Quella del 21 Ottobre 2019 è stata senz’altro una delle peggiori alluvioni che ha colpito lo spicchio di Alessandrino compreso tra Gavi, Novi Ligure, la Val Lemme, la Val Scrivia e in parte l’Ovadese dove in poco più di 12 ore è caduta la pioggia attesa in circa 6 mesi. Per Gavi si tratta del record di pioggia su 24 ore dall’inizio delle misure nel 1914.
Nel tardo pomeriggio, quando il sole era già calato, il centro abitato gaviese è stato nuovamente colpito. Prima la zona del campo sportivo era stata allagata, poi è toccato ancora una volta al versante della collina del Forte, come già nel 1977 e nel 2014. La frana ha colpito alcune abitazioni, fatte evacuare poco prima dal Comune. Hanno trovato rifugio presso parenti e nelle scuole elementari alcune famiglia residenti in una parte di via Circonvallazione e una che abita in via Barbieri, dove un fiume di fango, terra e alberi ha trascinato via alcune automobili. Il paese per ore è rimasto isolato. C’è ancora molto da fare per la popolazione che purtroppo è immersa nel fango. La catena di aiuti proseguirà nei prossimi giorni. L’Area Emergenze di Borgosesia resterà al fianco, per quanto possibile, alla popolazione, che dovrà cercare di rialzarsi e convivere con questa situazione disastrosa dove molti di loro hanno perso tutto.